HomePost Taggati "demenza" (Pagina 2)

Un nuovo studio condotto su 6467 donne over-65, pubblicato sulla rivista The Journals of Gerontology, Series A: Biological Sciences and Medical Sciences, suggerirebbe che una maggiore assunzione di caffeina è associata ad una diminuzione del rischio di sviluppare una demenza o di andare incontro al decadimento

La demenza a Corpi di Levy, la malattia di Alzheimer e il morbo di Parkinson possono presentare dei sintomi simili e non è sempre facile fare una diagnosi corretta, elemento indispensabile per la pianificazione dell'intervento. Sulla rivista Journal of Alzheimer's Disease, qualche settimana fa, sono stati pubblicati dei nuovi dati che

M.R. continua a camminare senza sosta, giorno e notte per lui non fanno differenza. Ma cosa stai facendo? Perché non ti fermi un attimo? Smetti di camminare, vieni a letto, è notte! …dai vieni qui accanto a me. Quante volte i familiari di anziani affetti da demenza si sono trovati davanti

Sospetto Alzheimer La persona che riceve una diagnosi del genere in fase iniziale si può trovare a dover spiegare a familiari e amici in cosa consista la malattia, quali siano le sue fasi, quali gli esiti. Questo è di sicuro un gran macigno sulle spalle di chi

Alimentarsi in modo sano diminuisce il rischio di soffrire di diabete, ipertensione, disturbi cardiaci ed altre condizioni mediche, questo è un dato praticamente ormai assodato. Non è ancora chiaro, però, quale sia il ruolo del cibo nella prevenzione di una demenza di tipo Alzheimer. Sam Gandy, direttore